lunedì 31 luglio 2017

RECENSIONE: "Sarah Gilmore: La Custode - Volume 1" di Fabio Fanelli


Il mondo magico è in grave pericolo. Il nemico è in agguato pronto ad agire. Solo una ragazza può salvarlo: una ragazza comune del destino speciale.
Sarah è testarda, caparbia, coraggiosa e determinata, ma non sa di possedere queste doti fin quando non si scontra con il suo destino: diventare la Custode di un potente Grimorio.
Il suo cuore puro le permetterà di accedere al grande potere che custodisce il libro ma, poco avvezza alla magia e a ciò che ne deriva, riuscirà a fronteggiare gli Oscuri che vogliono conquistare il potere assoluto? 
Saprà adattarsi a una nuova vita piena di pericoli ed ostacoli da affrontare? 
Che aspettate? Immergetevi nel mondo di Sarah Gilmore. 
Amore, Amicizia, Intrigo, Mistero e Magia sono gli ingredienti perfetti per un romanzo che vi stupirà!


Ed eccomi  oggi a raccontarvi un romanzo Made in Italy dell’autore esordiente Fabio Fanelli. Sarah Gilmore: La Custode – Volume 1 è la storia di Sarah, abbandonata dai genitori in tenera età, trascorre le sue giornate tra l’università e gli amici. Un giorno, una donna di nome Atena, le svela la verità sulle sue origini rivelandole di essere la nuova Custode a cui è affidato un compito gravoso: proteggere il Grimorio (un libro da cui deriva un grande potere ambito dagli Oscuri, le forze del male) e così, la nostra giovane protagonista, verrà catapultata in un mondo fantastico fatto di magia e mistero. Sarah avrà il suo bel da fare tra incantesimi da imparare, pozioni da preparare e mente da allenare. Sarà affiancata dai suoi amici Electra, una ragazza frizzante e sempre pronta a dire la sua, e Damien, giovane e timido innamorato della nostra protagonista. Affronterà il suo compito con determinazione e coraggio anche se, in un primo momento, la fiducia in se stessa e nelle sue capacità magiche non farà altro che vacillare. Sarà in grado di custodire il Grimorio con le sue sole forza dato che sembra non possa fidarsi di nessuno?

Fabio Fanelli ci conduce per mano in una storia magica che ricorda l'intramontabile Harry Potter (chissà… magari l’autore è un fan della Rowling) e ci racconta della continua lotta tra bene e male, tra quello che è giusto e quello che è sbagliato. Il suo stile è scorrevole, a tratti meno fluido a causa di alcuni refusi e qualche errore (come le d eufoniche… anche io ne facevo un uso smodato e mi sono state fatte notare come errore da alcune editor conosciute in un gruppo) che può sfuggire a un autore che sta muovendo i suoi primi passi nel mondo della scrittura. 
I personaggi sono ben delineati caratterialmente e ognuno ha un suo ben preciso compito all'interno della storia. Non mancano scene d’azione e, devo ammetterlo, ne avrei preferite molte di più e spero che nel secondo volume ci siano ancora più combattimenti magici.
Ho apprezzato molto i disegni all'interno del romanzo che rappresentano gli oggetti magici di cui fanno uso i maghi dell'Alleanza così come il continuo passaggio tra passato e presente che ci permette di capire meglio come la storia ha avuto inizio.
Sarah Gilmore è una classica storia fantasy, una di quelle che riescono a coinvolgerti anche con la presenza di piccole imperfezioni che, se curate, possono davvero dare miglior luce al romanzo.
Nonostante sia un fantasy per ragazzi, mi sento di consigliarlo anche a chi ha qualche anno in più… perché non c’è mai un limite di età quando si parla di magia.

VOTO

e

1/2


Nessun commento:

Posta un commento

Se vi fa piacere lasciate un commento. Vi risponderò sicuramente XD