lunedì 30 gennaio 2017

RECENSIONE "CACAO CITY" di Antonietta Usardi



Il cacao, gioia e delizia per tutti i golosi e i meno attenti alla linea. 
Cosa potrà mai fare un quadratino delle dimensioni di un’unghia? 
Il mio lato da analista scientifica può elencare i pro e i contro di questo alimento che mette d’accordo tutti: bambini e adulti. È un antidepressivo grazie alla feniletilamina, stimola la serotonina che diminuisce lo stress, stimola la concentrazione e i riflessi; d'altro canto l’abuso di questo alimento può portare a una modifica dell’acidità dello stomaco per chi soffre di reflusso gastro-esofageo e deve essere consumato con cautela da chi soffre di diabete.
Perché stai facendo una lezione di scienze invece di recensire libri?”, vi starete domandando… adesso ci arrivo, non temete!
Tutto questo preambolo serviva per introdurvi l’argomento su cui ruota il libro di cui vi parlerò oggi ossia “Cacao City” dell’autrice Antonietta Usardi.
Vediamo prima la trama di questo romanzo.

In una Milano distopica e contemporanea, il cacao è la droga preferita dagli anziani e spopola, fatale, in case di riposo e circoli ricreativi. Delizia, addetta agli abbracci in un megastore del centro, e suo fratello Claude, poliziotto, cercano disperatamente per la città i nonni Belinda e Costante, fuggiti da un centro di disintossicazione. Li segue Robespierre, giornalista con la vocazione del cronista d’assalto, disgraziatamente impiegato al Gazzettino delle Buone Notizie. Traffici illeciti, omicidi e misteriose sparizioni: nulla è ciò che sembra sotto le oscure luci di Chinatown. Chi ha portato il cacao in città? Perché Belinda e Costante, rapinatori di professione in gioventù, sono in fuga con tutta la vecchia banda?


Siamo a Milano. Delizia e suo fratello Claude sono alla ricerca disperata dei nonni scappati dalla casa di cura senza lasciare traccia. Orfani di entrambi i genitori, i due ragazzi sono cresciuti grazie alle cure di nonna Belinda e nonno Costante, ex rapinatori e adesso pensionati, che si concedono come unico lusso il sapore dolce e avvolgente della cioccolata in tutte le sue forme.
Il traffico illecito di cacao si fa sempre più importante e vani sono gli interventi della polizia che non riesce a controllare l’import di questa sostanza apparentemente innocua.

“Il cacao è diventato in breve tempo una vera e propria piaga sociale: Milano è piena di anziani fatti come zucchine che vagano con l’aria beata e sembrano non accorgersi di nulla. Niente li turba, almeno fino a quando reggono le arterie e il fegato. Poi è tutta un’altra storia”.

Il passo verso la dipendenza è breve e i due arzilli nonnini ne fanno un vero e proprio vizio che li porta a essere chiusi in un centro di disintossicazione.
Ma da lì fuggono senza un’apparente motivo e insieme a loro anche tutta l’ex banda di rapinatori. Cosa hanno in mente di fare? Rifarsi una vita o riorganizzare rapine come ai vecchi tempi?
Sapete bene che il secondo genere a me caro è il thriller. 
Cacao City è un romanzo che si rifà a questo genere (grazie alla presenza di cadaveri, ladri e poliziotti), ma che perde un po’ di queste caratteristiche, che a me piacciono molto, per far spazio alle descrizioni dell’ambiente che fa da cornice alla storia. Milano viene descritta in lungo e largo: le sue vie, i suoi negozi, l’appartamento del signor de’ Tali, e chi non c’è mai stato, come me, può usufruire di queste descrizioni per conoscere “virtualmente” la città.
L’autrice ha una scrittura davvero curata nei dettagli e abbastanza scorrevole. L’ironia non le manca. QWq uesto suo lato lo ritroviamo spesso nel romanzo e aiuta a non rendere pesante la lettura.
I personaggi sono ben delineati e quello che ho apprezzato di più è sicuramente Claude, il poliziotto. Ligio al dovere, pulito, la pecora nera della famiglia che con la legge non ha dei buoni rapporti, durante la storia si trasforma abbandonando per un attimo i suoi panni da bravo ragazzo e lasciandosi andare. Anche Robespierre è un altro personaggio che si fa notare, giornalista per il Gazzettino delle Buone Notizie, prende in mano la sua vita e decide di seguire i ragazzi in questa ricerca pur di occuparsi, finalmente, di cronaca e non delle solite notizie rosa che non fanno, o non hanno mai fatto, per lui.
Concludendo, consiglio il romanzo a tutti gli amanti dei thriller e ai cacao-dipendenti… perché a volte basta un quadratino per essere felici.

VOTO:




venerdì 27 gennaio 2017

RECENSIONE "BITTEN" di Kelley Armstrong




Era da tempo immemore che facevo la corte a questo romanzo e non mi decidevo mai a leggerlo. Ho, come ben sapete, una fissazione per i licantropi e non potevo lasciare questo libro al suo destino. Poi, un’email inaspettata da parte della LainYA che in risposta a una mia richiesta di collaborazione mi risponde di sì e mi invia due libri digitali della loro collana che non avevo ancora letto: Bitten di Kelley Armostrong e Feline di Sarah Bianca (di cui posterò la recensione prossimamente). Potete di certo immaginare la mia felicità, il Blog non vanta numerosi iscritti - e come si dice in questi casi, pochi ma buoni :) - ma nonostante questo la LainYA ha accettato la mia proposta (e che ringrazio di cuore per avermi inviato il romanzo) ed eccomi qui a parlarvi di questo libro. Vediamo prima la trama di questa storia.

Elena Michaels è una giornalista di successo, ha un ragazzo normale che la vorrebbe sposare e ama correre di notte, veloce come il vento. Non sono certo le strade buie o i tipi loschi a farle paura, perché dalla sua ha qualcosa di straordinario.
È l’unica donna licantropo al mondo. Ha abbandonato il suo clan d’appartenenza e i comfort della villa, loro quartier generale, per una vita ordinaria. Alle spalle non si è lasciata solo un branco ma anche Clay, colui che l’ha tradita trasformandola in un licantropo.
Saranno l’amore per l’unico uomo che davvero le abbia toccato il cuore e il forte sentimento di appartenenza ai licantropi a ricondurla indietro, quando il branco avrà bisogno di lei.
È giunto per Elena il momento di scegliere tra l’amore per Clay e quello per il ragazzo della porta accanto, tra la sua nuova vita, tessuta su una tela labile e pregna di bugie, e la sua natura che, come la luna chiama le maree, la sta attirando a sé.

Bitten è il primo volume della serie “Otherworld” scritto dall'autrice Kelley Armstrong edito LainYA e da cui è stato tratto un telefilm che devo assolutamente vedere (magari farò una recensione delle puntate… vedremo). 
È la storia di Elena Micheals, rimasta orfana da bambina, ora è un a giornalista freelance di successo che abita con il suo compagno Philip in quel di Toronto. Elena si è lasciata alle spalle la sua vita a Stoneheven dove viveva con il Branco… eh sì, perché la nostra protagonista altro non è che un licantropo in città. Ma può secondo voi un mannaro vivere tranquillo in un ambiente urbano? Trasformarsi di notte, mangiare come una betoniera, sono tutte cose che poco si confanno a una ragazza gentile e dalle buone maniere. Un giorno tutto quello che Elena ha cercato di costruire, viene messo a dura prova da una telefonata. Sì, una telefonata può distruggere le tue certezze, può mettere a rischio tutto quello che di buono hai cercato di pianificare per condurre una vita serena; una vita che prima della Trasformazione Elena aveva. Una studentessa che si innamora del relatore e che vuole una famiglia e un matrimonio felice, finché il mondo le crolla addosso e il morso del suo amato la trasforma in un licantropo. È Jeremy ad averla chiamata, il maschio Alpha del Branco; ha bisogno di lei e del suo fiuto eccezionale. Ma può Elena tornare a Stoneheven e rincontrare Clay, colui che l’ha resa quello che è?

Avevo pensato che ormai l'avessero capito, che non sarei più tornata indietro, ma forse non ci erano ancora arrivati, forse continuavano ad aspettarmi. Come Clay, che era stato tutti i giorni davanti al cancello principale, sicuro che prima o poi sarei tornata, perché l'avevo sempre fatto e perché non avevo mai detto il contrario. Mi chiedevo quanto ancora avrebbero aspettato.

Bitten è un romanzo diverso dai soliti young adult, in primo luogo la protagonista non è un’adolescente ma una donna fatta e finita. Elena è l’unico licantropo donna al mondo e, di conseguenza, corteggiata da numerosi pretendenti, ma lei è una donna caparbia, coraggiosa e non si fa mettere i piedi in testa da nessuno. Clay è il tipico ragazzo bello e dannato con una miriade di problemi, violento e tenebroso, che per anni ha atteso il suo ritorno. Non cerca di convincerla a tornare da lui, ma aspetta che sia lei a decidere.

Incontrando il suo sguardo, ho provato il desiderio di urlare, di dirgli che no, non stavo bene, anzi, per colpa sua non sarei mai stata bene, perché lui aveva fatto in modo che fosse così per sempre. Aveva spazzato via tutti i miei sogni e ogni aspirazione ad avere una famiglia con un unico gesto di imperdonabile egoismo.

Come Elena e Clay, anche i personaggi secondari sono ben descritti: Nick e suo padre Antonio e Jeremy, una figura quasi paterna per Elena e Clay.
Lo stile dell’autrice è molto scorrevole, non mancano scene da bollino rosso e il tutto è condito con un po’ di sana azione che fa sempre bene. Non è solo la storia di un amore tormentato; è la storia di una donna che prende in mano la sua via dopo un tradimento imperdonabile e che, nonostante tutto, riesce ancora a provare qualcosa per chi diceva di amarla e di voler costruire un futuro insieme.

Bitten è stata una lettura davvero piacevole che consiglio a tutti che siate amanti del genere “lupesco” o meno e a tutti quelli che credono alle seconde possibilità, perché si sa... al cuor non si comanda.

VOTO:


giovedì 26 gennaio 2017

RECENSIONE "I SEGRETI DI AMBER HOUSE" di Kelly Moore, Larkin Reed e Tucker Reed



Eccomi oggi, cari Friends Readers, a parlarvi di un romanzo che ho acquistato durante le mie brevi vacanze invernali direttamente in una libreria Feltrinelli con cui è edito questo libro. Si tratta de "I segreti di Amber House" di Kelly Moore, Larkin Reed e Tucker Reed. Vediamo insieme la trama del romanzo.

Quando Sarah, suo fratello e la loro algida madre si stabiliscono ad Amber House, la ragazza rimane ammaliata dal fascinoso Richard, che la introduce in un mondo di ricchezze e privilegi, ma è anche attratta dall'enigmatico Jackson, che la coinvolge in un'eccitante caccia ai diamanti scomparsi. Sarah scopre di riuscire a "vedere" la storia della casa e delle persone che vi hanno abitato: vede sua madre da ragazza, incredibilmente affettuosa e felice, o il crudele capitano di mare che perse il tesoro tanti anni prima. E ricomponendo piano piano tutti i pezzi del mosaico, scopre che Amber House nasconde molti segreti, antichissimi crimini e più recenti tradimenti. Dove sono nascosti i diamanti? Chi è responsabile dell'infelicità di sua madre? E quale tragedia riecheggia ancora nelle stanze della casa? Sarah ha bisogno di risposte, in fretta. Perché le sue visioni minacciano la persona che ama di più e lei deve districare la ragnatela del passato, prima che sia troppo tardi.


Sarah Parsons, protagonista del romanzo, è una ragazza che vive a Seattle insieme al suo fratellino Sam e ai suoi genitori. La storia di Sarah si apre con il funerale della nonna Ida che la ragazza ha conosciuto poco a causa della madre e il suo pessimo rapporto con la nonna. Amber House è la tenuta di famiglia in cui abitava Ida e i suoi avi prima di lei e che nasconde molti segreti; qui si trasferiranno Sarah, Sam e la madre che cerca in tutti i modi di vendere la casa fino addirittura a organizzare la festa dei sedici anni della figlia per pubblicizzarne la vendita. Sarah, insieme a Jackson, figlio della governante di Ida, daranno inizio a una caccia all'oro e non scopriranno solo un tesoro… perché Amber House non è una semplice casa, ma qualcosa di più.
Non ho ancora ben chiaro il genere di questo romanzo. Scene al cardiopalma ce ne sono, ma non mi hanno fatto “rizzare” i cosiddetti peli sulle braccia per la paura, quindi horror non direi; paranormale c'è e riguarda Sarah e la sua capacità di sentire la casa (non vado oltre perché non voglio spoilerare).
Tralasciando tutto ciò, la storia di Amber House è ricca di mistero e segreti da svelare. Le descrizioni sono coinvolgenti tanto che mi sarei voluta trovare anche io in quella casa per ammirarne la grandezza.
Sarah è una ragazza coraggiosa che affronta le sue paure senza mai tirarsi indietro e può contare su Jackson, un vero e proprio oratore capace di dare il consiglio giusto al momento giusto. Richard, invece, è il tipico figlio di papà, bello e viziato, che sembra interessato a Sarah solo per compiacere il padre, possibile acquirente della casa.
Lo stile è molto fluido, il libro l’ho letto in due giorni, e la storia è veramente ben strutturata. Il finale è a dir poco fantastico, originale  e per niente scontato.
Concludendo, consiglio il romanzo agli appassionati degli intrighi e dei misteri ma anche a chi crede che qualsiasi casa ha un cuore nascosto tra le sue mura.

VOTO:



mercoledì 25 gennaio 2017

W...W...WEDNESDAY #24


Salve Friends Readers! Sono anni e anni che non mi occupo di questa rubrica e devo dire la verità, ne sentivo la mancanza. Come vanno le vostre letture? Le mie a gonfie vele. Ho perso il conto dei libri letti in questo mese e il WWW di oggi mi farà ricapitolare tutto quello che ho combinato durante queste settimane. Quindi... bando alle ciance . 

let s go



What are You currently reading?
Cosa stai leggendo?

Non ho ancora cominciato a leggere nulla, ma in questi giorni comincerò i due romanzi che trovrete come risposta della terza domanda... quindi ci si vede di sotto!!! XD


What did You recently finish reading?
Cosa hai appena finito di leggere?

E qui comincia la luuuunga lista di libri letti.





E tra qualche giorno, credo, non voglio sbilanciarmi, posterò le recensioni... forse più di qualche giorno... insomma, ci siamo capiti ;)


What do You think you'll read next?
Cosa pensi leggerai in seguito?

Sicuramente ho intenzione di finire la trilogia di Firelight e poi boh! Come si dice in questi casi... chi vivrà vedrà!

E voi? Come sono andate le vostre letture? Avete letto qualche libro da me proposto?
Fatemelo sapere nei commenti, e se non volete rendermi partecipe delle vostre letture, non fa niente, tanto la mia vita andrà avanti comunque...

Scherzo, ovviamente... non siate permalosi Friends Readers XD
Ci si vede alla prossima.
Saluti
Federica

domenica 15 gennaio 2017

RECENSIONE "RINASCITA" di Sophie Jomain



Chi bazzica da un pò sul mio Blog sa, che quando si parla di mutaforme, perdo interesse per qualsiasi altro libro e mi fiondo a leggere le storie di questi uomini che si trasformano in animali selvaggi. I mutaforma in questione sono dei licantropi che sono i "mutaforma per eccellenza" per quanto mi riguarda (e qui si potrebbe aprire una discussione sui vari tipi di mutaforma esistenti e quali siano i migliori in assoluto XD). Tornando a noi, potevo lasciarmi sfuggire, durante le mie piccole vacanze invernali, l'uscita del terzo libro della saga "Le stelle di Noss Head?". Assolutamente no! Ed ecco che passo "casualmente" davanti a una libreria e sempre "casualmente" mi accingo a leggere i titoli nello scaffale dei fantasy young adult mentre mia sorella viene spedita a chiedere al commesso se il libro sopra citato è presente nel negozio. Il commesso, che poi ho scoperto essere il proprietario, mi aiuta a trovarlo ed è qui che nasce il mio amore per le città metropolitane (perché dalle mie parti avrei dovuto aspettare settimane e settimane... ma andiamo oltre e chiudiamo questa parentesi).
"Rinascita" è il terzo volume della saga scritto dall'autrice francese Sophie Jomain edito LainYA, che racconta della storia di Hannah e Leith (QUI trovate la recensione di "Vertigine" e QUI quella di "Rivalità").
Ma andiamo con ordine e vediamo prima di cosa sto parlando.


A St Andrews, città universitaria sulla costa scozzese, la vita di Hannah non è più la stessa. Per cominciare, non è più un essere umano. Dopo essere stata morsa a tradimento da un angelo nero, il suo corpo ha abbandonato la natura mortale per assumere le sembianze di una creatura magnifica discendente dalle leggende più arcane: un vampiro incantevole dotato di ali imponenti, forza straordinaria e vita eterna, nemico giurato dei lupi mannari, fra cui l’anima gemella di Hannah, Leith.
Divisi, ora più che mai, da leggi antiche che gli impediscono di stare insieme, i due innamorati dovranno combattere prima di tutto contro il loro stesso istinto che li vorrebbe avversari.

Ma forse, con l’aiuto dell’angelo nero Darius, trovare un modo per permettere ad Hannah di tornare umana e di riunirsi al suo amore proibito è possibile, anche se tremendamente pericoloso.
Con Rinascita, terzo capitolo della saga Le stelle di Noss Head, Sophie Jomain pone i suoi personaggi davanti a una serie di scelte difficili: i protagonisti verranno trascinati in un’avventura ricca di suspense e combattimenti mozzafiato.



«Perché sei qui, Leith?».
Il suo volti si coprì di una tristezza che mi spezzò il cuore. Si avvicinò e mi si inginocchiò di nuovo accanto. I battiti si trasformarono in sobbalzi incontrollabili.

«C'ho provato, Hannah, ma non ci riesco».
«A fare cosa?».
«A stare senza di te».

Alla fine di "Rivalità", abbiamo lasciato Hannah in balia della sua trasformazione in un angelo nero (una sorta di vampiro volante) con grande dispiacere di Leith che non riesce a sopportarlo e la lascia al suo destino nelle mani di Darius (un angelo nero da trecento e rotti anni) che la ospita in casa sua e se ne prende cura. In questo romanzo Hannah affronta la sua nuova vita da vampiro - sotto la guida di Darius - cercando di imparare a vivere insieme agli essere umani senza far di loro "carne da macello" o "uno snack pomeridiano". Ma il nostro "fido" Leith (perdonate la battuta infelice XD), non riesce a starle lontano. I due giovani si riavvicineranno pian piano, pronti ad affrontare insieme le conseguenze della loro unione.
Ho trovato che la Jomain in "Rinascita" abbia abbracciato un tema particolare: La diversità. Da un lato Hannah che, da essere umano, si trasforma in vampiro, e dall'altra Leith, un licantropo. Due specie diverse che, nonostante siano a conoscenza della guerra in corso fra le due fazioni, non riescono a stare lontano l'uno dall'altra e, anche a costo di inimicarsi la loro stessa famiglia, decidono di restare uniti anche se tutto ciò va contro natura. L'amore di Leith per la sua anima gemella supera le barriere della diversità perché il sentimento che nutre per Hannah è più forte di qualsiasi guerra e ostilità. 
Lo stile dell'autrice è sempre molto diretto tanto da rendere il testo scorrevole; non annoia mai e ti porta, senza rendertene conto, a leggere la storia tutta d'un fiato. I personaggi che incontriamo in "Rinascita" sono ormai parte di noi: Hannah con la sua diplomazia, Leith e il suo senso di protezione, e Darius che, da vampiro tutto d'un pezzo, si trasforma in un essere con dei sentimenti tipicamente umani. 
Il finale (non spoilero, non temete)è stato inaspettato per quanto mi riguarda e devo dire che l'ho trovato assolutamente geniale.
Concludendo... non posso che consigliare questo romanzo sia agli appassionati del genere che no. E' una storia ricca di emozioni, colpi di scena, ottimi personaggi capaci di tenere compagnia coinvolgendoti nelle loro vite e, in più, è un libro che nonostante la sua leggerezza ti porta a riflettere su molti aspetti della vita quotidiana.
Il mio voto non può che essere ultrapositivo.

VOTO:






ANTEPRIMA: SCIA DI SANGUE di Karin Slaughter





Oggi, cari Friends Readers, c'è un'altra bella anteprima per HarperCollins Editore
Si tratta del romanzo dell'autrice Karin Slaughter "Scia di sangue" in uscita il prossimo 26 gennaio.



Karin Slaughter
Scia di sangue

Certi legami non si possono spezzare.
Certi segreti, invece, possono distruggere.

Il grande ritorno della regina del crime internazionale
Un nuovo attesissimo appuntamento con la serie di Will Trent.
in libreria dal 26 gennaio 



Quando il cadavere di un ex poliziotto viene trovato in un cantiere abbandonato di Atlanta, l’agente speciale Will Trent capisce subito che quello potrebbe
essere il caso più rischioso di tutta la sua carriera. Una scia di impronte insanguinate rivela che c’era qualcun altro sulla scena del crimine, una donna,
ferita, che ha lasciato quel luogo di morte ed è svanita nel nulla. Non solo: quella donna appartiene al suo passato. L’indagine si fa ancora più delicata
quando si scopre che il proprietario del cantiere è Marcus Rippy, uno dei personaggi più influenti e chiacchierati della città, una stella del basket con
agganci politici e uno stuolo di avvocati pronti a difenderlo anche dalle accuse più infamanti. Come quella di stupro, con cui Will ha tentato invano di incastrarlo qualche tempo prima. Quello che Will deve decifrare è un rompicapo pericoloso, perché ogni rivelazione potrebbe distruggere la sua carriera e le persone a cui tiene. Ma non ha scelta. E quando Sara Linton, il nuovo medico legale del Georgia Bureau of Investigation e sua compagna, gli spiega che la donna scomparsa ha solo poche ore di vita prima di morire dissanguata, sa cosa deve fare.


KARIN SLAUGHTER

Nata in Georgia e residente ad Atlanta, è regolarmente ai primi posti nelle classifiche di tutto il mondo ed è considerata una delle regine del crime internazionale. I suoi quindici romanzi, che sono stati tradotti in trentatré lingue e hanno venduto più di 35 milioni di copie, comprendono la fortunata serie che ha per protagonista Will Trent, di cui Scia di sangue è l’attesissimo ritorno. HarperCollins Italia ha già pubblicato con successo il suo primo thriller psicologico Quelle belle ragazze.

mercoledì 11 gennaio 2017

ANTEPRIMA: LE DUE META' DEL MONDO di Marta Morotti


Oggi, cari Friends Readers, sono qui a parlarvi di un'anteprima "librosa" edita HarperCollins. 


Marta Morotti
Le due metà del mondo

il passaggio dall’adolescenza all’età adulta,
il dramma di una famiglia nell’affrontare l’arrivo di un figlio disabile.

apprezzatissimo dalla critica, nella sua prima edizione Le due metà del mondo si è aggiudicato numerosi riconoscimenti.
un romanzo di debutto forte, che indaga con estrema delicatezza la difficoltà delle relazioni familiari.



DATA DI PUBBLICAZIONE: 26/01/2017
EDITORE: HarperCollins Italia
GENERE: Narrativa
PREZZO: 14.90 €


Maria ha diciannove anni, vive a Torino e ha appena finito gli esami di maturità. Vorrebbe fare la psicologa ma è destinata invece, alla fine dell’estate, ad entrare in fabbrica, come suo padre. Maria si è costruita un mondo tutto suo, curato in ogni minimo particolare, un mondo che le garantisce un’apparente sicurezza, che di fatto non possiede. Una parte della sua vita è come chiusa in una scatola e ciò che le serve veramente è una chiave che le permetta di aprire quella scatola e di far uscire ciò che la sua mente e il suo cuore rifiutano di accettare. Arriva un momento infatti, in cui, costretta a lasciare l’ambiente protetto in cui è cresciuta, comincia a sentirsi attratta da un'esistenza fatta di cose normali, concrete, che le offre la possibilità di sciogliere le catene alle quali ormai è abituata da troppo tempo. Ma come lasciarsi andare a una nuova vita e smettere di combattere?  L’ombra di un fratello ingombrante e di un padre assente continuano a trattenerla in una prigione in apparenza dorata, fino a quando, inaspettatamente Maria dovrà fare i conti con sentimenti nuovi che cambieranno la sua vita per sempre.

MARTA MOROTTI: Nata e cresciuta in provincia di Varese, 30 anni, dopo la laurea in Storia del Cinema e la specializzazione in Letteratura Italiana, ha iniziato il vagabondaggio nel mondo del lavoro tra stage in redazioni sportive, collaborazioni con diversi giornali e lavori part-time. L’amore per i libri le ha insegnato a guardare il mondo come un collage scomposto di storie diverse e possibili. La madre le ha trasmesso la passione per la lettura, mentre da sola ha scoperto quella per la scrittura.

domenica 8 gennaio 2017

TBR GENNAIO 2017

Buonasera Friends Readers.
Oggi ho finalmente raggruppato i libri che vorrei leggere in questo freddo e nevoso mese per la Reading Goals Challenge ideata da Giusy del blog "Divoratori di libri".
Ecco i miei obiettivi:
- RINASCITA di Sophie Jomain  (obiettivo 16-Autore francese)
-I SEGRETI DI AMBER HOUSE di Moore, Reed (obiettivo 31-Paranormal Romance)
- TRILOGIA FIRELIGHT di Sophie Jordan (obiettivo 54)
- CACAO CITY di Antonietta Usardi  (obiettivo 3-Made in Italy)
-BITTEN di Kelley Armstrong (obiettivo 51-Libro sui lupi)
-FELINE di Sarah Bianca  (obiettivo 72-Libro che inizia con la prima lettera del mio nome )
Forse sono troppo ottimista, ma ci proverò
^.^

sabato 7 gennaio 2017

VI SEGNALA NADIA #7

Buonasera cari Friends Readers




Oggi per la rubrica "Vi segnala Nadia", ho il piacere di segnalare l'imminente uscita di un nuovo romanzo made in Italy scritto dall'autrice Lucia Cantoni e dal titolo "Come in primavera".
Andiamo a vedere nel dettaglio di cosa stiamo parlando.








La vita di Lizzie sembra uscita dalle dolci pagine di un romanzo rosa. La sua piccola, perfetta, esistenza si divide tra il lavoro che ama e che ha sempre sognato sin da bambina e Brady, il suo ragazzo dai tempi del liceo, un ex giocatore di football divenuto pilota di un’importante compagnia aerea. Un ultimo pezzettino del suo cuore è occupato da Danny, il suo migliore amico, la persona di cui si fidi di più al mondo…
Eppure Brady adora i lamponi e, come le diceva spesso la nonna, “per quanto sia dolce e delicato il loro gusto, chi ti regala dei lamponi ha qualcosa da farsi perdonare… hanno un unico significato ed è quello del rimorso”. Infatti i problemi non tardano ad arrivare e proprio durante il giorno del matrimonio, Lizzie sente tremare la terra sotto i propri piedi, la vita che ha sempre conosciuto sino a quel momento si sgretola, rivelando il suo doloroso e reale volto: il suo fidanzato non è chi dice di essere e la cerimonia salta… tuttavia Danny, l’unica vera certezza della sua vita è ancora al suo fianco, con una promessa d’amore che sarà difficile rifiutare. Accompagnata dal magico linguaggio dei fiori, riuscirà Lizzie a riaprirsi alla vita e a sbocciare con rinnovato vigore, come un mughetto baciato dalla primavera?



IL LIBRO E' DISPONIBILE IN PRE-ORDINE:


E con questo è tutto. Fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate di questa nuova uscita e se correrete a cliccare sul link per leggere questo nuovo romanzo.


PRONTI PER LE LETTURE DEL 2017?

Buon pomeriggio Friends Readers. L'Epifania tutte le feste porta via ed è per questo che tutte le mie attività pomeridiane e non, hanno ripreso il loro corso naturale. In questi giorni, posterò la mia lista di obiettivi del mese di gennaio con la speranza di riuscire a portarla a termine. Ho qualche recensione da postare e una segnalazione da fare... come avete ben capito, ho molto da fare qui sul Blog e poco tempo per farlo, ma ci riuscirò... più o meno XD
Ci "vediamo" al prossimo post (spero in serata ^.^)
Saluti
Federica