mercoledì 16 agosto 2017

RECENSIONE: "MEZZOSANGUE" di Vincenzo Romano


Buon Pomeriggio Friends Readers.
Oggi vi racconterò di un romanzo high fantasy (fantasy epico) che mi ha permesso di staccare un po' la spina dall'ecatombe de "Il Trono di Spade" di George Martin, facendomi vivere un'avventura più "tranquilla" dal punto di vista dello sterminio di massa 😆
E' la storia di un'amicizia e della ricerca di sé.
La storia che ha per protagonisti un mezz'orco e un mezz'elfo, tanto diversi tra loro ma anche tanto simili.
Una storia in cui un'antica profezia narra di un mezzosangue in grado di ristabilire un equilibrio con un grande potere.
Tutto ciò è "Mezzosangue" di Vincenzo Romano.




Kai, da cacciatore, è diventato preda. La sua ricerca si è trasformata in una fuga disperata. Un misterioso assassino lo tormenta da settimane con agguati continui, limitandosi a ferirlo e scappare. Il bosco nelle vicinanze di un piccolo villaggio sembra essere il luogo scelto dal suo persecutore per concludere quel gioco crudele. Kai cade, attende il colpo di grazia.
Narog è un giovane mezz’orco. Vive con il suo patrigno nel piccolo villaggio di Craughway dove solo in pochi conoscono il suo segreto. Un giorno, mentre è a caccia nella foresta che circonda il villaggio, si imbatte in uno scontro mortale.

Prendete un eroe sprovveduto che non conosce niente di ciò che avviene al di fuori del suo villaggio natale; fate incontrare il suddetto personaggio con chi diventerà la sua guida e suo amico in questa avventura; date alla storia un’ambientazione medievale e ricordatevi di aggiungere una guerra e una spruzzata di magia. Ecco che avete per le mani un’entusiasmante e avvincente epic fantasy. Tutto questo potete trovarlo nel romanzo di Vincenzo Romano “Mezzosangue” in cui, il suo protagonista principale, non è un elfo né un nano bensì un mezz’orco cresciuto in un villaggio di esseri umani che non lo ha mai visto di buon’occhio nonostante porti sempre un cappuccio calato sul viso per non rivelare la sua natura.
Narog, il nome del nostro eroe, è cresciuto senza sapere niente del suo passato e si ritrova ad affrontare un Cacciatore quando, per caso, s’imbatte in Kai, un mezz’elfo che salva nel bosco. Il mezz’orco lascerà il padre adottivo, la sua casa e il suo villaggio per il bene di tutti; inizia così il viaggio di Narog e Kai, entrambi mezzosangue, seguiti da una profezia che coinvolgerà uno dei due giovani.

Una pausa, un respiro profondo. Kai cercò di parlare piano e in maniera comprensibile. Stava chiedendo al suo salvatore di abbandonare tutte le sue certezze all'improvviso e se ne sentiva responsabile.
«Al mondo esistono molte forme di potere» ricominciò Kai riaprendo gli occhi «la più antica e meno conosciuta è rappresentata dalle pietre magiche. Pare che anticamente i grandi maghi dominassero tutto il potere arcano attraverso delle pietre, che contenevano la vera forma di ogni cosa in questo mondo. Per qualche ragione l’equilibrio si infranse e il potere andò letteralmente in frantumi. Pochi conoscono la vera magia delle pietre, io ne ho viste alcune nel regno degli elfi. Mi è stato insegnato che in ciascun frammento risiede un’essenza. Chi possiede il frammento può dominare quell'essenza. Tra la mia gente c’è un’antica profezia, annuncia che un mezz'elfo riunirà un giorno il potere nelle sue mani ripristinando l’equilibrio».

Vincenzo Romano ci presenta il suo romanzo partendo, come solo un buon fantasy epico sa fare, da una cartina geografica che rappresenta il mondo da lui ideato: Shealgair, il villaggio di Narog; Zaleb, con le sue meravigliose torri e l’Ordine dei Cavalieri; e Grehaven, la Città della Luna Calante affacciata sul mare.
Lo stile dell’autore è diretto e scorrevole, mai noioso e, nonostante un’accurata scelta linguistica, il romanzo resta fluido e piacevole da leggere grazie anche al continuo mix di scene d’azione e momenti di ricerca interiore.
C’è qualche piccolo refuso, niente che intacca la leggibilità del testo e, unica pecca - mio parere superpersonale - sono le poche informazioni che ci vengono date sui frammenti (probabilmente avremo maggiori dettagli nel secondo volume).
Narog e Kai sono due personaggi molto diversi tra loro eppure, al contempo, molto simili: entrambi mezzosangue ed entrambi guardati con sospetto dai rispettivi villaggi, affronteranno un viaggio che li aiuterà a rispondere a uno degli interrogativi che ognuno di noi si è posto almeno una volta nella vita: “Io, chi sono?”.
Lasciate che questo romanzo vi trasporti nel suo mondo fatto di magia nascosta e di verità da scoprire fino a raggiungere l’ultima pagina che vi farà esclamare: “E adesso???”.

VOTO
e 1/2

mercoledì 9 agosto 2017

SETTEMBRE...WORKING IN PROGRESS!!!

Salve Friends Readers. Come sta andando questi afosissimo e "azzeccatissimo" mese di agosto? Lunedì FINALMENTE andrò in  ferie per una decina di giorni e ne approfittero' non solo per spiaggiarmi al mare come una balenottera 😂, ma anche per dare vita a un nuovo progetto che coinvolgera' il Made in Italy. L'idea è ancora working in progress, ma se fra voi c'è qualche autore emergente interessato a promuovere il proprio libro, non esitate a commentare sotto questo post. Quando l'idea sarà diventata il progetto vero e proprio, sarà mia premura contattarvi e spiegarvi in cosa consiste. Per il momento è tutto... ci leggiamo alla prossima.
Buone letture
Federica

martedì 1 agosto 2017

VI SEGNALA NADIA #10 - HOTEL MEZZANOTTE di Michele Botton


Oggi, per la Rubrica "Vi segnala Nadia" vi segnalo il romanzo horror di Michele Botton "Hotel mezzanotte". 




"Hotel Mezzanotte" è un’antologia di racconti dell’orrore. Otto storie per lo più di vita quotidiana, dove qualcosa non è come dovrebbe essere. Abbiamo una bambina, travestita da zombie, la notte di Halloween che suona campanelli per il classico dolcetto-scherzetto, ignara del terribile segreto che nasconde. Una misteriosa e inquietante ragazza che inizia a fissare un povero malcapitato in un vagone del treno. Una cena familiare “molto” speciale. Un pallone da calcio maledetto che porterà alla rovina una famiglia con le sventure che causa. Una storia natalizia che dello spirito natalizio non ha proprio niente. C’è Lilith, l’emissaria della morte che si nutre della morte stessa. Ci sono Paolo e Michele che nella campagna padovana troveranno un uomo senza volto. Storie con un finale a sorpresa, in cui la sorpresa non è mai allegra.



Nasce nel 1977 a Piove di Sacco in provincia di Padova. Noto perdigiorno.
Questo è il suo secondo libro. Ha pubblicato il romanzo Pink Future (GDS Edizioni), oltre a svariati racconti apparsi in antologie tra i quali Amici da bar (Il magazzino dei mondi 3, Delos Books), Notte patavina grondante sangue (Racconti dal Veneto, Historica Edizioni), Singolarità (Matrix Anthology, Homo Scrivens Edizioni), Una tradizione in evoluzione (per l'antologia N.A.S.F.12). Gestisce il blog il beneficio del dubbio dove parla di libri e fumetti.
"Una tagliola, di quelle che si usano per catturare animali di grosse dimensioni, era scattata e fulminea gli si era chiusa su una gamba mordendogliela come un cane rabbioso. Il male arrivò ben prima del sangue, un dolore di quelli lancinanti che sapeva di incredulità ma anche di ossa rotte e carni martoriate." 

Contatti
Pagina Facebook:  Michele Botton
Blog dell’autore: Il beneficio del dubbio
Sito dell’autore:  http://michelebotton.blogspot.it/


Avete già letto questo romanzo? Se sì, cosa ne pensate degli horror? Devo ammettere le mie lacune in materia... non ho mai letto un romanzo horror e l'autore è stato così gentile da inviarmi comunque una copia digitale del suo libro per convertirmi al genere. Intanto è nella mia libreria virtuale... chissà, magari DI GIORNO riuscirò a leggerlo per farvi sapere se il mio cuore è ancora giovane nonostante l'incedere degli anni!!!





lunedì 31 luglio 2017

RECENSIONE: "Sarah Gilmore: La Custode - Volume 1" di Fabio Fanelli


Il mondo magico è in grave pericolo. Il nemico è in agguato pronto ad agire. Solo una ragazza può salvarlo: una ragazza comune del destino speciale.
Sarah è testarda, caparbia, coraggiosa e determinata, ma non sa di possedere queste doti fin quando non si scontra con il suo destino: diventare la Custode di un potente Grimorio.
Il suo cuore puro le permetterà di accedere al grande potere che custodisce il libro ma, poco avvezza alla magia e a ciò che ne deriva, riuscirà a fronteggiare gli Oscuri che vogliono conquistare il potere assoluto? 
Saprà adattarsi a una nuova vita piena di pericoli ed ostacoli da affrontare? 
Che aspettate? Immergetevi nel mondo di Sarah Gilmore. 
Amore, Amicizia, Intrigo, Mistero e Magia sono gli ingredienti perfetti per un romanzo che vi stupirà!


Ed eccomi  oggi a raccontarvi un romanzo Made in Italy dell’autore esordiente Fabio Fanelli. Sarah Gilmore: La Custode – Volume 1 è la storia di Sarah, abbandonata dai genitori in tenera età, trascorre le sue giornate tra l’università e gli amici. Un giorno, una donna di nome Atena, le svela la verità sulle sue origini rivelandole di essere la nuova Custode a cui è affidato un compito gravoso: proteggere il Grimorio (un libro da cui deriva un grande potere ambito dagli Oscuri, le forze del male) e così, la nostra giovane protagonista, verrà catapultata in un mondo fantastico fatto di magia e mistero. Sarah avrà il suo bel da fare tra incantesimi da imparare, pozioni da preparare e mente da allenare. Sarà affiancata dai suoi amici Electra, una ragazza frizzante e sempre pronta a dire la sua, e Damien, giovane e timido innamorato della nostra protagonista. Affronterà il suo compito con determinazione e coraggio anche se, in un primo momento, la fiducia in se stessa e nelle sue capacità magiche non farà altro che vacillare. Sarà in grado di custodire il Grimorio con le sue sole forza dato che sembra non possa fidarsi di nessuno?

Fabio Fanelli ci conduce per mano in una storia magica che ricorda l'intramontabile Harry Potter (chissà… magari l’autore è un fan della Rowling) e ci racconta della continua lotta tra bene e male, tra quello che è giusto e quello che è sbagliato. Il suo stile è scorrevole, a tratti meno fluido a causa di alcuni refusi e qualche errore (come le d eufoniche… anche io ne facevo un uso smodato e mi sono state fatte notare come errore da alcune editor conosciute in un gruppo) che può sfuggire a un autore che sta muovendo i suoi primi passi nel mondo della scrittura. 
I personaggi sono ben delineati caratterialmente e ognuno ha un suo ben preciso compito all'interno della storia. Non mancano scene d’azione e, devo ammetterlo, ne avrei preferite molte di più e spero che nel secondo volume ci siano ancora più combattimenti magici.
Ho apprezzato molto i disegni all'interno del romanzo che rappresentano gli oggetti magici di cui fanno uso i maghi dell'Alleanza così come il continuo passaggio tra passato e presente che ci permette di capire meglio come la storia ha avuto inizio.
Sarah Gilmore è una classica storia fantasy, una di quelle che riescono a coinvolgerti anche con la presenza di piccole imperfezioni che, se curate, possono davvero dare miglior luce al romanzo.
Nonostante sia un fantasy per ragazzi, mi sento di consigliarlo anche a chi ha qualche anno in più… perché non c’è mai un limite di età quando si parla di magia.

VOTO

e

1/2


mercoledì 26 luglio 2017

RECENSIONE: "Origine- Parte 1" di Sophie Jomain




I terribili mesi vissuti come angelo nero sono finiti e adesso Hannah è diventata un lupo mannaro. Trasformarla era infatti l’unico modo per salvarle la vita, dopo che l’ultimo dei sanguinosi scontri fra creature leggendarie che ormai popolano la sua nuova esistenza ha rischiato di esserle fatale.

Ora la ragazza è entrata a tutti gli effetti nel Branco e può finalmente vivere la storia d’amore che ha sempre sognato con Leith, la sua anima gemella. Perché la felicità sia completa manca solo un’ultima vittoria: far cessare le ostilità fra gli angeli neri e i lupi mannari. Nel calore della sua nuova famiglia, e ancora molto vicina ai suoi amici a sangue freddo – fra cui l’affascinante Darius –, adesso Hannah è motivata più che mai a far conciliare i due gruppi rivali.

Quando però il corpo di un angelo nero viene ritrovato orrendamente mutilato – prima di una serie di morti atroci –, il fragile equilibrio fra le due fazioni rischia di andare in pezzi. Per di più, Leith e Darius sono spariti. Presto diventa chiaro che un’ombra assassina si sta aggirando fra le strade di St Andrews mietendo vittime e che nessuno sarà al sicuro fino a quando il colpevole non verrà fermato. Per arrestare la furia omicida che minaccia i suoi cari, e per ritrovare il grande amore e il migliore amico, Hannah intraprenderà un pericoloso viaggio oltre i confini della Scozia e del mito.
Quarto volume di Le stelle di Noss Head, Origini, parte prima condurrà i protagonisti sulle tracce della leggenda dei lupi mannari, preparando lo scenario ideale per il capitolo conclusivo.


"Mi sentivo soffocare. Se avessi potuto isolarmi nel luogo più sperduto della Scozia, l’avrei fatto. Trovarmi da sola con me stessa, riflettere, recuperare le forze: ne avevo bisogno , ma mi era rigorosamente vietato. Vietato, fino a quando tutta questa storia non fosse finita. Dopo ne sarei uscita più serena? Ne dubitavo, perché più i mesi passavano e più diventavo una creatura che tremava dall'angoscia per l’avvenire. Continuamente". 


Ed eccoci al quarto volume della serie di Sophe Jomain dal titolo “Le Origini – Parte 1” edito lainYA.


Se avete adorato i primi tre libri di questa storia licantropica, non potete assolutamente perdervi il libro che rivoluziona la storia che finora abbiamo conosciuto.

Protagonista indiscussa di questo nuovo capitolo è Hannah che, senza la sua metà, il lupo Leith e senza il suo miglior amico, il vampiro Darius che scompare misteriosamente senza lasciare traccia, stringerà un’amicizia particolare con Grigore. Il ragazzo (se così possiamo definire un uomo con centinaia e centinaia di anni alle spalle) è un tipo misterioso e oscuro ma dal cuore nobile che aiuterà la nostra Hannah a ritrovare Darius.

In Origini verremmo a conoscenza di nuove creature soprannaturali, gli Strigoi, i Guerrieri dell’Ombra che nessuno riesce a vedere data la loro invisibilità (eccezion fatta per Hannah) e una setta di Streghe. Viaggeremo attraverso l’Europa con gli Angeli Neri e vedremo uno dei personaggi che sicuramente tutti i lettori della serie hanno odiato dal principio, ovvero Pitt, trasformarsi da nemico giurato a insolito alleato.

I personaggi dal primo libro a ora hanno affrontato mille difficoltà e li ritroviamo cambiati nelle loro caratteristiche comportamentali. Hannah, ad esempio, in questo romanzo non è più la ragazzina timida e impacciata che avevamo conosciuto all’inzio; adesso è una ragazza più matura e sicura di sé, darà battaglia e farà di tutto per salvare le persone che ama. Grigore che era un personaggio secondario nei capitoli precedenti, diventa ora un protagonista ed entra subito in sintonia con Hannah.

Lo stile dell’autrice è sempre molto scorrevole e mai noioso; il romanzo si legge velocemente tanto che lo divorerete in pochi giorni e, come me, sarete in trepidante attesa per l’uscita del prossimo capitolo.

Non mi resta quindi che consigliare questa lettura a tutti gli amanti del genere Urban Fantasy e a chi ama le storie di miti e leggende perché in Origini non mancheranno.


VOTO


sabato 8 luglio 2017

VI SEGNALA NADIA #9 - "Mezzosangue" di Vincenzo Romano


Nuova segnalazione oggi per un Made in Italy. 
"Mezzosangue" di Vincenzo Romano; un fantasy epico al 100%.
Vi lascio la trama e la scheda del libro e anche in questo caso ci "vediamo" prossimamente per la recensione.


Mezzosangue di [Vincenzo Romano]

Kai, da cacciatore, è diventato preda. La sua ricerca si è trasformata in una fuga disperata. Un misterioso assassino lo tormenta da settimane con agguati continui, limitandosi a ferirlo e scappare. Il bosco nelle vicinanze di un piccolo villaggio sembra essere il luogo scelto dal suo persecutore per concludere quel gioco crudele. Kai cade, attende il colpo di grazia.

Narog è un giovane mezz’orco. Vive con il suo patrigno nel piccolo villaggio di Craughway dove solo in pochi conoscono il suo segreto. Un giorno, mentre è a caccia nella foresta che circonda il villaggio, si imbatte in uno scontro mortale.


Conosciamo un po' l'autore

Sono nato a Benevento nel 1980, laureato in Ingegneria Chimica. Dal 2008 mi occupo di Assicurazione Qualità in una azienda operante nel mondo del packaging. Vivo a Pozzuoli (Na) con mia moglie ed i nostri bimbi.
“Mezzosangue” è la prima opera che ho pubblicato.
La mia passione per il fantasy, le sue storie e le sue suggestioni, nasce molto tempo fa, ed ha trovato il suo naturale sbocco sui tavoli ingombri di dadi, matite e miniature, nelle serate trascorse a condividere con gli amici storie e sogni.




venerdì 7 luglio 2017

VI SEGNALA NADIA #8 - "Sarah Gilmore:La Custode-Volume 1" di Fabio Fanelli

Buon pomeriggio cari Friends Readers. 
Scusate l'assenza di questi giorni...forse mesi, ma tra il lavoro, il sito Romanticamente Fantasy con cui  ho il piacere di collaborare e la presentazione che ho fatto qualche settimana fa in una Biblioteca del mio paese per promuovere il mio libro, ho dovuto abbandonare un po' il Blog al suo destino. Ma oggi ho il piacere di ripartire segnalando un Made in Italy dell'autore Fabio Fanelli dal titolo "Sarah Gilmore: La Custode - Volume 1" che mi terrà compagnia in questi giorni afosi grazie a Fabio che mi ha dato la possibilità di leggere il suo Fantasy.
Vi lascio la cover e la trama del suo romanzo e ci "vediamo" prossimamente per la recensione.


Se scoprissi di possedere un grande potere e di non saperlo gestire...se dovessi proteggere un libro...un Grimorio potente bramato da tutti, un libro che può essere letto solamente da un puro di cuore?
Il mondo magico è in grave pericolo, il nemico è in agguato pronto ad agire. Solo una ragazza può salvarlo, una ragazza comune del destino speciale.
Sarah Gilmore non sa di essere la nuova Custode, colei che è destinata a proteggere il Grimorio. Riuscirà a fronteggiare gli Oscuri che bramano il libro e il potere che ne deriva? Riuscirà Sarah ad adattarsi a una nuova vita piena di pericoli ed ostacoli da affrontare?